Mostra in corso
"Fuoco sacro"

Dal 15 febbraio 2011 al 22 aprile 2011

Inaugurazione: lunedý 14 febbraio 2011, ore 21

In coerenza con l’atteggiamento tenuto dalla galleria per pi¨ di 50 anni, la Blu riprende un tema su cui aveva giÓ costruito un evento nel  1998,  nella convinzione che la memoria sia lo strumento indispensabile per  comprendere il presente e progettare con metodo il futuro.

Se allora la mostra Fuoco sacro  proponeva “Da Schiele a Fontana”, una selezione di rare opere di grandi maestri, ora una scelta altrettanto rigorosa di artisti di fama internazionale - Bonalumi, Burri, Chadwick, Ernst, Fontana, Giacometti, Klee, Picasso, Santomaso, Vedova, Wols - viene integrata dalla presenza del lavoro di tre artisti da decenni presenti nelle mostre della galleria, i quali hanno operato a partire dagli anni ’60 su un versante dell’arte cui non Ŕ stata prestata la dovuta attenzione nÚ dalla critica, nÚ dal mercato e che saranno i protagonisti della mostra successiva dal titolo non casuale, “Lo spazio della memoria”: Guido Biasi, Claudio Costa e Vincenzo Ferrari.  
A  concludere l’esposizione figurano le opere dei contemporanei Federico Guida, Davide Nido e Alessandro Verdi, artisti in cui la galleria ha riconosciuto i presupposti per un autentico futuro della memoria.

Citando il comunicato stampa di allora: “veniva chiamato fuoco sacro, dai poeti e dagli artisti, quell'impulso (un tempo considerato di origine divina) che illuminava loro la mente ponendoli in uno stato di privilegio, di capacitÓ creativa. Con il passare degli anni il suo significato Ŕ diventato sinonimo di esaltazione dell'animo e del sentimento. Questa metafora un po’ enfatica Ŕ ancora significativa se si ritiene che le opere d'arte possano, attraverso un processo conoscitivo primario, essere una delle chiavi d'accesso a delle veritÓ profonde altrimenti inattingibili.
Sotto questa luce l'arte, come il fuoco, ha il potere di accendere chi Ŕ ad essa suscettibile, e, come la fiamma, ha la capacitÓ di illuminare e riscaldare, accrescendo nell'uomo la consapevolezza e la pienezza della esistenza.
In questo senso il fuoco sacro accomuna artisti di diversa estrazione storica ed artistica ed in ognuno di loro trova differenti canali di espressione di cui la mostra cerca di proporre esempi illuminanti”.

Tra le opere esposte spiccano: Musique, un’importante gouache del 1919 di Pablo Picasso, giÓ esposta alla galleria Kruger di Parigi e Tramonto sulla cittÓ industriale, un olio di Santomaso del 1955 esposto a Palazzo Reale a Milano e al Wilhelm-Hack Museum di Ludwigshafen (Germania) nel 1986 e alla mostra dedicata al maestro dalla Fondazione Cini di Venezia nel 2008.

Scarica il documento in formato .doc